Agevolazioni e prestazioni in materia di diritto allo studio

Agevolazioni e prestazioni in materia di diritto allo studio erogate dallo Stato, dalle Regioni e dagli enti locali.

Il decreto legislativo numero 63 /2017, in conformità a quanto previsto dalla legge sulla “Buona scuola”, prevede un potenziamento del diritto allo studio tale da renderlo effettivo per gli studenti capaci e meritevoli mediante l’istituzione di borse di studio e nuovi bonus su tasse scolastiche, su libri di testo e il rafforzamento della carta dello studente.

In particolare sono previsti:

  1. l’esonero dalle tasse scolastiche per gli alunni del quarto (dall’anno scolastico 2018/2019) e quinto anno (dall’anno scolastico 2019 /2020) della secondaria di secondo grado in base alle fasce di reddito (ISEE) determinate con decreto del MIUR previa intesa in sede di conferenza unificata;
  2. servizi di trasporti e agevolazioni sulla mobilità per tutti gli alunni delle scuole statali su presentazione di apposita istanza;
  3. servizio mensa assicurato per tutti gli alunni delle scuole pubbliche d’infanzia, primarie e secondarie del primo ciclo, previa istanza di parte e ove necessario per il tempo scuola;
  4. fornitura gratuita dei libri di testo e di altri strumenti didattici per tutti gli alunni delle scuole primarie;
  5. convenzioni tra istituzioni scolastiche ed enti locali volte alla promozione di servizi di comodato d’uso gratuito per la fornitura di libri di testo e nuovi dispositivi digitali per gli alunni della scuole secondarie di primo e secondo grado. È altresì previsto un potenziamento della carta dello studente attribuita dal MIUR a tutti gli studenti iscritti nell’apposita anagrafe nazionale. La carta in questione consente di costruire una rete interi stituzionale di soggetti pubblici e privati a sostegno del diritto allo studio e nel contempo assicura agevolazioni e benefici relativi a beni, servizi di natura culturale, servizi per la mobilità nazionale ed internazionale, ausili di natura tecnologica per lo studio, acquisto di materiale scolastico, l’erogazione di borse di studio per merito scolastico, l’identità digitale dello studente associato ad un profilo personalizzato sul portale dello studente del minore sul quale consultabile proprio curriculum. Con riferimento agli studenti della secondaria di secondo grado la carta potrà essere associata ad un borsellino elettronico (una carta di credito) da attivarsi su richiesta delle famiglie sul quale il MIUR attiverà una funzione di pagamento ai fini dell’erogazione di voucher e /o altri benefici. Il MIUR può attivarsi per stipulare accordi con soggetti pubblici e privati al fine di erogare ulteriori benefici e agevolazioni a livello territoriale. È infine prevista l’istituzione, presso il MIUR di una conferenza nazionale per il diritto lo studio con funzioni di monitoraggio, manifestazioni di pareri in materia di diritto allo studio, proposte di potenziamento della casa dello studente, di integrazione di ulteriori benefici e le agevolazioni a livello di delle singole regioni. La conferenza redige ogni tre anni un rapporto in materia di diritto allo studio.
Precedente Six pack e semestre europeo Successivo Il principio di uguaglianza